Diomede Islands, due isole fuori dal tempo 

 

Lo Stretto di Bering, situato fra l’Alaska e l’estremo oriente della Russia, è largo solo 53 miglia (circa 85 km) ed è la zona in cui l’Eurasia e l’America arrivano praticamente a toccarsi. Lo Stretto prende il nome da Vitus Bering, un esploratore russo che lo attraversò nel 1728. Nel bel mezzo dello Stretto ci sono le Isole Diomede, così chiamate perché Bering vi mise piede il 16 agosto 1728, giorno di San Diomede. Le due isole si chiamano Grande Diomede e Piccola Diomede. Tra le due isole passa una fetta di mare che, nel punto di maggiore distanza, non supera i tre chilometri. Le isole sono entrambe abitate principalmente da eschimesi che vivono in villaggi stabili dedicandosi alla pesca.

La particolarità di queste isole è che la Grande Diomede appartiene alla Russia, mentre la Piccola Diomede è americana. Questo oggi significa poco, ma qualche decennio fa le due isole erano di fatto il punto più vicino tra URSS e USA durante la guerra fredda!

Proprio in mezzo al braccio di mare che le separa passa la cosiddetta linea di cambiamento data. Così, anche se sono vicinissime tra loro, queste due piccole isole vivono con una differenza oraria di 21 ore e quando nella Grande Diomede è mezzogiorno, nella Piccola Diomede sono le 15.00, ma del giorno precedente! Un paradosso geografico frutto di convenzioni create a tavolino per regolare il mondo.

Il lato positivo è che si possono vivere due volte le festività passando da un’isola all’altra. Quando, per esempio, a Little Diomede sono le 3.00 di notte del primo dell’anno e ormai la festa di Capodanno sta scemando, basta farsi una passeggiata di 3 km sul ghiaccio a piedi o su una slitta per trovarsi a Big Diomede in cui è mezzanotte del 30 dicembre, andare a dormire e rifarsi il Capodanno il giorno dopo!

 9 Meraviglie  Agenzia di Viaggi  -  Via Candido Manca 11/A  -  09041 Dolianova
Tel. 070.8577241  Cell. 380.7835672  info@9meraviglieviaggi.com